Il diritto vitivinicolo è uno specifico settore del diritto alimentare e concerne la disciplina tecnico-giuridica per la produzione di vino e dei prodotti che derivano dalla trasformazione dell’uva, tra più prodotti più esportati al mondo.

Se il Made in Italy fosse un brand, sarebbe il terzo al mondo: un vero patrimonio da preservare e tutelare.

La disciplina della produzione dell’uva, della sua trasformazione in vino e del relativo mercato è racchiusa in un complesso di norme denominato legislazione vitivinicola.

Tale legislazione è caratterizzata da fonti multiple e articolate in quanto a determinarla concorrono norme di diritto interno, norme dell’Unione europea e norme di diritto internazionale, le quali a loro volta, pongono problemi di gerarchia che occorre conoscere e tenere presenti per procedere ad una corretta lettura e interpretazione delle norme: il settore vitivinicolo oggi è interessato, in modo diretto o indiretto, da ben 200 regolamenti comunitari, alcuni dei quali contengono allegati con minuziose disposizioni (veri regolamenti nei regolamenti), da 350 leggi e decreti nazionali e da oltre 400 circolari e note esplicative della pubblica amministrazione.

Per un’azienda vinicola è quindi oggi fondamentale affidarsi ad un interprete del diritto che aiuti a districarsi nel mare magnum di norme, regolamenti, circolari e decreti in costante evoluzione, nonché al fine di fronteggiare serenamente la burocrazia del caso.

Lo SLB offre consulenza e assistenza legale, con la possibilità di stipulare convenzioni e contratti di assistenza continuativa personalizzabili,  concepiti per offrire alla clientela la pianificazione dell’assistenza richiesta con un costo certo e forfettariamente prestabilito.

Contatta lo studio per avere maggiori informazioni e richiedere un preventivo.